Visualizzazioni totali

sabato 19 novembre 2011

Ravioli di castagne con carciofi e burro mandorlato

E' decisamente tardi...ma volevo assolutamente postare questa ricetta, con cui partecipo al contest della Cucina Italiana (vedi spazio a destra nella pagina). Ho passato quasi tutto il pomeriggio in cucina e le mie povere ossa sono veramente a pezzi!!! Domani, promessa solenne, riposo e niente ricette, anche perchè la mia linea sta iniziando a risentirne!!! Con l'età che avanza è di fondamentale importanza tenere sotto controllo tutto, dal colesterolo alla glicemia, dai segni sul viso (mi pare che le chiamino rughe, ma io no, non le conosco....voi sì???) ai capelli bianchi che si moltiplicano senza controllo e soprattutto senza chiedercelo......Ma che ne dite se torniamo alla ricetta?


Ingredienti per 18 ravioli:

100 grammi di farina 00
100 grammi di farina di castagne
1 uovo ed 1 tuorlo
1 cucchiaio d'olio e.v.o.
mezzo bicchiere d'acqua

Per il ripieno:

2 patate (270 grammi)
2 carciofi spinosi
1 porro
1 spicchio d'aglio schiacciato
50 grammi di formaggio dolce di montagna
olio e.v.o.
3 cucchiai di parmigiano reggiano
1 cucchiaino di cerfoglio secco
mezzo cucchiaino di maggiorana
sale q.b.

Per il condimento:

burro fuso
mandorle tritate leggermente tostate
pecorino romano grattugiato
qualche foglia di salvia fresca

Pulire i carciofi, compresi i gambi: togliere le foglie più esterne e tagliare le punte.Tagliarli a metà ed eliminare le barbette dell'infiorescenza.  Tuffarli in acqua acidulata. Pulire e lavare il porro ed affettarlo sottilmente. Tagliare i carciofi prima a julienne sottile e poi ridurli in pezzi molto piccoli. In una padella antiaderente versare un paio di cucchiai di olio e.v.o. e far stufare il porro, condito con una spruzzata di sale, a temperatura medio bassa, in modo tale che non si bruci. In un'altra padella far imbiondire lo spicchio d'aglio in due cucchiai d'olio. Toglierlo non appena inizia a prendere colore. Versare i carciofi, salare e far cuocere a temperatura media fino a quando non diventano molto teneri. Se necessario, aggiungere acqua. Mettere a lessare le patate pelate. Preparare l'impasto. Su una spianatoia versare le farine, ben mescolate fra loro e disporle a fontana. Al centro unire le uova e il cucchiaio d'olio. Iniziare ad impastare. Aggiungere l'acqua e proseguire nella lavorazione dell'impasto, fino a renderlo compatto e liscio. Avvolgerlo in una pellicola trasparente e far riposare per almeno mezz'ora. Proseguire nella preparazione del ripieno, passando le patate lessate con lo schiacciapatate. Quando si saranno raffreddate, incorporare gli altri ingredienti: porro stufato, carciofi, parmigiano, formaggio dolce, cerfoglio e maggiorana. Regolare di sale. Dopo mezz'ora riprendere l'impasto ed iniziare a stenderlo con un mattarello. Si dovrà ottenere una sfoglia piuttosto sottile. Con l'apposito utensile tagliare la sfoglia, formando delle striscie larghe circa 10 cm. Disporre il ripieno sulle striscie, lasciando lo spazio necessario per poter chiudere i ravioli e tagliarli. Ricoprire con il resto della pasta e tagliare ogni raviolo, dandogli la sua classica forma. Bagnare il bordo interno di ogni raviolo prima di chiuderlo. Per sigillare meglio, si possono utilizzare i rebbi di una forchetta, con i quali si deve esercitare una leggera pressione lungo tutto il bordo. Portare a bollore l'acqua e far cuocere i ravioli per circa 10 minuti. Preparare il condimento: far fondere il burro, senza farlo friggere. Tostare le mandorle in un tegamino per un paio di minuti. Tritare alcune foglie si salvia. Versare i ravioli in ogni piatto e condire con burro fuso, mandorle tostate, salvia e una spruzzata di pecorino. 
Buon appetito!

Nessun commento:

Posta un commento